Sabato 8 febbraio Veronica Toniolo ha vinto a Follonica la sua settima European Cup per la classe U18, parte quindi con il botto la stagione internazionale 2020 della tanto giovane quanto promettente judoka biancoceleste, confermatasi ai vertici al ritorno sul tatami dopo lo storico oro mondiale di Almaty del settembre 2019.

Nonostante la pressione per doversi esprimere davanti al pubblico di casa e la poca conoscenza delle avversarie (le consuete contendenti, praticamente tutte classe 2002, sono infatti passate all’ U21) il percorso di “Veve” è stato netto. Erano 31 le atlete in gara nella sua categoria, quella dei 52 kg, e nei sedicesimi il tabellone registrava un posto vuoto. Toniolo, in virtù della sua posizione di testa di serie numero uno passa quindi il primo turno. Poi incontra e supera sempre per ippon nell’ordine la Svizzera Poiler, l’olandese Godschalk e la francese Deversain per approdare alla finale contro la connazionale Micaela Sciacovelli. A quel punto la tensione è quella giusta, quella delle grandi occasioni e l’espressione di Veronica lascia pochi dubbi. Al primo errore la pur valida avversaria non ha scampo e basta meno di un minuto di incontro per chiudere perentoriamente la partita. È il settimo oro in una Continental Cup U18 per lei, risultato che la proietta nelle zone altissime delle statistiche di tutti i tempi per questa classe (8 ori il record assoluto).

“Veronica – ha commentato Monica Barbieri, responsabile tecnico della sezione judo – è l’unica atleta ad aver vinto per tutti i tre anni di permanenza nella classe U18 la European Cup di Follonica e a quanto pare, a detta degli addetti ai lavori, l’unica in generale ad aver vinto lo stesso torneo internazionale del circuito in tutte e tre le edizioni. La strada è lunga, ma si può dire che per la nostra atleta la partenza sia quella giusta.”