DSCN3943DSCN3948

 

Dopo sei settimane dedicate unicamente alla preparazione, a seguito del tour de force agonistico di inizio stagione, Veronica Toniolo è tornata sui tatami del circuito ufficiale internazionale ed è salita di nuovo sul gradino più alto del podio. Sabato 31 marzo sui tatami di Tula (Russia), la Toniolo ha affrontato la sua prima gara in maglia azzurra, convocazione guadagnata con le medaglie conquistate nelle European Cup di Follonica e Fuengirola. Visibilmente ricaricata, Veronica ha saputo dominare la tensione dettata dal voler tornare a mettersi al collo la medaglia più prestigiosa ed ha affrontato con autorità le tre avversarie russe che si frapponevano fra lei e la finalissima: 1′ per marcare due waza ari (ko uchi gari e koshi guruma) alla Meduson, 2’40” per il perentorio ippon di  ashi guruma alla Filimonova e 1′ 38” per i due waza ari (uchi mata e kaeshi) alla Nugaeva.

Pur denominate European Cup, queste competizioni fanno parte del circuito mondiale IJF e, così come a Follonica contro l’uzbeka Ermaganbetova, la Toniolo si è trovata in finale ancora contro un’avversaria asiatica, in questo caso la mongola Lkhagvasuren, classe 2001, fresca vincitrice della EC di Antalya ai primi di marzo e 3^ al mondo, oltre che atleta che ha già affrontato gare di livello assoluto come il Torneo di Parigi. La Toniolo non si è fatta intimidire ed è partita all’attacco mettendo a segno ben presto un ottimo ko uchi gari valutato waza ari, ma ancor più pregevole è stata l’intelligente ed aggressiva tattica della nostra atleta che ha portato l’esperta avversaria a commettere per tre volte lo stesso errore penalizzato con shido, ponendo così fine al confronto.

 

DSCN3965

tula 3

Il poio dei -52 kg. Da sin.Lkhagvasuren (2^), Toniolo (1^), Amkhadova e Galitskaia (3e)

DSCN3967

Questo risultato proietta l’atleta biancoceleste al 6° posto assoluto della ranking list mondiale (wrl), unica atleta del 2003 a comparire nelle posizione alte della classifica, considerando che la prima atleta del 2003 dopo di lei si attesta al 59° posto. Se è vero che gli incontri diretti non determinano un valore assoluto, va comunque sottolineato che Veronica ha superato a Follonica l’uzbeca Ermanganbetova, 4^ in wrl, e a Tula la mongola Lkhagvasuren , 3^ in wrl, dando chiare indicazioni su quella che è la sua competitività a livello mondiale.  Da tenere in considerazione inoltre il fatto che nelle 5 posizioni sopra di lei ben 2 atlete (Ozbas ed Elkina) ormai gareggiano nella categoria superiore al limite dei 57 kg e quindi il sesto posto vale in realtà la quarta posizione effettiva. Questo perché la ranking mondiale tiene conto anche dei risultati dell’anno precedente (ndr: la Toniolo non poteva  accumulare punteggi nel 2017 non essendo ancora cadetta). Nella classifica degli Youth Olympic Games, dove solo i tre migliori risultati 2018 vengono tenuti in considerazione, la Toniolo si attesta infatti al momento alla prima posizione assoluta con il miglior punteggio di tutte le categorie sia maschili che femminili.

 

tula 1b

Veronica Toniolo con i coach e genitori Monica Barbieri e Raffaele Toniolo