Elisa Toniolo rientra alle competizioni dopo l’intervento alla spalla subito il 1° dicembre scorso, in seguito al peggioramento di un infortunio subito un anno prima, che già l’aveva limitata nella passata stagione, ed uno stop agonistico totale che durava dal maggio 2016.

La forte atleta triestina, cui i medici hanno dato l’ok alla ripresa completa dell’attività appena dopo le vacanze pasquali, ritorna sui tatami di gara cimentandosi con una competizione di alto livello della classe under 18, la European Cup Cadets di Plojesti (Romania), e dimostra subito di essere competitiva fin dalle prime battute.

Molto dura la concorrenza dal momento che alla gara sono presenti 27 nazioni per un totale di 517 partecipanti ma sembra che il tempo di forzata inattività non abbia intaccato la lucidità agonistica della judoka biancoceleste nonostante la breve preparazione ed è un bell’ippon di morote seoi nage a farle subito superare il primo turno contro la rumena Bente. Bene anche al secondo incontro dove la nostra portacolori si impone contro la finlandese Raveala per 3 sanzioni che determinano la vittoria prima del limite. Purtoppo il terzo confronto con un’atleta di casa, la rumena Funeczan, viene condotto in maniera poco condivisibile dalla terna arbitrale, che oltre a non penalizzare a sufficienza l’avversaria decisamente inattiva, addirittura annulla un punto sacrosanto dell’atleta triestina e le nega l’accesso alla semifinale. Elisa inizia ad accusare la preparazione ancora poco consistente ma tiene duro e supera bene il primo turno di recupero contro la bielorussa Sidarenka. Anche contro la lussemburghese Mosr, Elisa inizia molto bene e passa in vantaggio per due sanzioni ma sul finire dell’incontro non vede riconosciuti i propri sforzi e alla fine cede all’avversaria.

La Toniolo coglie comunque un ottimo settimo posto che, pur non rendendo il giusto merito alla prestazione della triestina, ha il sapore dell’impresa ed un valore particolare per il fatto di essere stato conquistato alla prima gara di rientro. Elisa mantiene così alta la propria posizione nella ranking list europea (attualmente al nono posto) in vista dei prossimi appuntamenti di Polonia e Portogallo.