Questa stagione per la biancoceleste atleta triestina Elisa Toniolo è stata senza ombra di dubbio un percorso ad ostacoli e la conclusione non poteva essere da meno. Purtroppo proprio il giorno prima della prova individuale dei – 63 kg, categoria in cui gareggia la nostra atleta, il termometro non ha lasciato dubbi di sorta sullo stato di salute di Elisa ed ha inesorabilmente raggiunto quota 38,5. Una brutta influenza, complice sicuramente il cambio di stagione repentino (in Cile è inverno) unito a un fisico provato dalla maratona a cui Elisa si è sottoposta per rincorrere i propri obiettivi in tempo record, ha alzato un muro sulla strada di Elisa. Nonostante tutto il giorno seguente, febbricitante, la nostra judoka ha voluto salire sul tatami per provare comunque a mettere in campo tutte le energie a disposizione. Neanche il sorteggio però è stato clemente e l’ha messa di fronte subito alla vice campionessa d’Europa, la tedesca Winzig, parte dello squadrone femminile tedesco che ha sbancato Santiago. Al primo generoso attacco della Triestina, la Winzig ha risposto con uno shime waza che non lasciava scampo, mettendo da subito in mostra una potenza in ne waza con cui avrebbe avuto ragione di tre avversarie a fila in meno di due minuti e che le sarebbe poi valsa il bronzo mondiale. Il campionato del Mondo non prevede ripescaggi e quindi, nonostante l’avversaria avesse raggiunto la semifinale, per l’Italiana non  c’è stata possibilità di appello.

La gara a squadre dell’Italia è stata poi davvero breve, troppo anche per testare se la febbre che si stava lentamente abbassando dava al team italiano la possibilità di mettere in campo la Toniolo e le nostre ragazze si sono dovute arrendere subito alla fortissima compagine della Georgia (successivamente medaglia di bronzo), anche in questo caso senza possibilità di appello.

Ad Elisa resta sicuramente l’amaro in bocca per il mondiale di Santiago, ma resta anche la grande soddisfazione per tutto ciò che è riuscita a fare  vista la situazione fisica ed il poco tempo passato dal rientro sui tatami, il tutto portando avanti egregiamente con ottime votazioni il proprio impegno scolastico presso il Liceo Scientifico G.Galilei, presso il quale ha concluso il terzo anno di studi.

Ora Elisa e tutto il team biancoceleste sono pronti per affrontare una nuova entusiasmante stagione… Buon 2017/2018 a tutti i nostri judoka!!!