Alla prima prova del Trofeo Italia per la classe Under 15 sono due le medaglie che i giovani bianco celesti conquistano in terra di Puglia il 30 aprile scorso.

A Martina Franca è Veronica Toniolo classe 2003 a salire sul gradino più alto del podio al suo esordio nella nuova categoria dei -52 kg. La campionessa italiana in carica dei -44 kg, supera perentoriamente nell’ordine la ligure Rimondo, le siciliane Vullo e Tortorici ed in finale la laziale Sinisi.

Emma Stoppari, classe 2004, affronta un doppio esordio nel circuito nazionale che determina la ranking list e promuove alle finali dei Campionati Italiani: primo confronto di alto livello negli under 15 e passaggio alla categoria -44 kg. Bellissimo e meritato l’argento a seguito di una finalissima decisa solamente da una sanzione al golden score contro l’atleta di casa Sciacovelli. Negli incontri precedenti la triestina batte nettamente per ippon la campana Buscio, la siciliana Passochiuso e la lombarda Ghislanzoni.

La prestazione di squadra risulta ancora più positiva se si vanno a considerare anche gli ottimi quinti posti dei giovani esordienti Tina Corte (2004, – 48 kg) e Manuel Medau (2004,-60 kg). Tina dimostra subito di essere competitiva nella categoria e si sbarazza agevolmente della siciliana Giorgi e della pugliese Carella. Nei quarti di finale stop ad opera della laziale Santillo che la ripesca. Tina risale i recuperi vincendo con un pregevole uchi mata valutato ippon, ormai cosa rara con l’applicazione del nuovo regolamento, contro la pugliese Pizzolo e poi contro la laziale Frasciano. Purtroppo nella finale per il bronzo Tina cede alla maggiore esperienza della romana Zuccaro.

Manuel disputa una gara pregevole, iniziata vincendo con il campano Savio. Al secondo incontro è il toscano Bottaini a fermarlo, ma Manuel risale bene i ripescaggi superando il campano Sicambro , il siciliano Agrip e il veneto Voi, nella finale per il terzo posto purtroppo spreca il netto vantaggio e la supremazia dimostrata e si deve accontentare di rimanere ai piedi del podio.

Anche Arianna Romanin (2004) entra bene in gara nei -52 kg vincendo il primo incontro con la pugliese Verdesca, ma poi trova lo stop ad opera della veneta Zucco e, pur superando nei ripescaggi un’altra atleta pugliese, cede nell’incontro successivo.

Un solo incontro disputato per Simone Ispiro (2003, -55kg ) che si ferma subito anche se con differenza di punteggio davvero minima e solo al golden score contro l’ostico siciliano Pelligra. Stessa sorte per Alessio De Luca (2004, -40 kg) che spreca il vantaggio meritatamente conquistato nella prima parte dell’incontro e cede a poco dal termine al napoletano Manferlotti.